La mia attività di regista di videoclip è divisa in due parti nettamente distinte. La prima comprende i lavori dal 1997 al 2000 ed è contrassegnata dall'estrema paupertà di budget e mezzi, nonché dal desiderio di ovviare a tali limiti sperimentando ogni possibile soluzione di ripresa e montaggio che la tecnologia antica e moderna potesse mettere a disposizione in quegli anni. Soltanto in due casi (per i clip di (P)itch e Giulia) ho avuto a disposizione una troupe completa e la possibilità di girare con pellicola cinematografica. Per il resto, è stato un entusiasmante lavoro di ricerca compiuto con straordinari compagni di percorso.
Nel 2000, ritenendo esaurita una certa fase creativa, decido di lasciare la regia dei clip, per dedicarmi all'insegnamento universitario della videomusica e alla sua promozione attraverso il Premio Videoclip Italiano fondato l'anno prima.

 

 

 

La seconda parte della mia attività registica parte con il ritorno vero e proprio alla regia segnato dal clip di "Dedicato a te" della band Le Vibrazioni: a quel punto avevo maturato un'idea stilistica di videomusica ben precisa, fondata su un rigoroso attaccamento alla narrazione e con la precisa incrollabile poetica di applicare criteri cinematografici ai videoclip che avrei realizzato. Infatti tutti i clip firmati dal 2002 a oggi contengono una cifra precisa: raccontano storie; il playback dei musicisti è sempre inserito con una precisa funzione narrativa e mai calato a forza dentro l'opera; le fonti di riproduzione sonora e gli strumenti suonati, nel momento in cui vengono ripresi, hanno una funzione diegetica; le riprese sono sempre ed esclusivamente effettuate in pellicola; sono banditi effetti speciali di ogni sorta, poiché non applico mai alle immagini alcun ritrovato della tecnologia; non viene utilizzato alcun artificio di montaggio, nemmeno una semplice dissolvenza incrociata, una velocizzazione o un rallenty. In pratica, adesso giro come all'epoca dei fratelli Lumiére, felice e fiero di essere "antico", concentrato sulle emozioni vere che soltanto una storia può trasmettere e rifuggendo come la peste gli stucchevoli effetti digitali profusi a piene mani dalle nuove tecnologie: a software e plug-in, preferisco sempre il cuore.

 

 

 

 

2006

.
"Solo lei mi dà" degli Sugarfree

2005

. "Cromosoma" degli Sugarfree (con comici di Zelig Off [Canale 5] e Comedy Lab 2 [Mtv])

2004

.
"Cleptomania" degli Sugarfree (con comici di Zelig [Canale 5] e Comedy Lab [Mtv])
. "E' stato tanto tempo fa" di Simone

2003

. "Lo zingaro felice" di Alex Britti
. "Nel mio giardino" di Cristina Donà (con Milene Domingues, ex moglie di Ronaldo)
. "Kombo" dei Karnea

2002

. "Dedicato a te" del gruppo Le Vibrazioni (nelle due versioni bionda e mora)
. "Oasi" di Raf (live-clip)
. "Sorprendimi" degli Stadio (live-clip)

2000

. "Va be'" dei Grossomodo (serial-clip/videogame in due versioni interattivo con Internet)
. "Emergenza d'amore" di Giulia (prodotto e co-interpretato da Fabrizio Frizzi)
. "Le vacanze dell'ottantatre" dei Baustelle

1999

. "Dimensione strana" dei Cleep
. "Astratti furori" di Kaballa'
. "Wunderautobahn" dei Sonica
. "Grandtour" dei Virginiana Miller

1998

. "Neil Young" dei Pitch (protagonista Selen)
. "Urlo" dei Denzoe
. "Riaccendi i colori" dei Pulsar
. "Dancing days" dei Savalas

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

"Dedicato a te" - LE VIBRAZIONI
(2002, Bmg - Ricordi)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Paolo Bellan
montaggio_ nessuno (piano sequenza)

soggetto_ una ragazza addormentata viene destata da una radiosveglia, si accorge di essere in ritardo per un appuntamento, indossa qualcosa al volo, si precipita per strada, attraversa uno dei più suggestivi tratti dei navigli milanesi, incontrando lungo il percorso quattro ragazzi impegnati in vari lavori, quindi si infila in un locale dove… ci sono proprio quegli stessi quattro ragazzi appena incontrati per strada, i quali però adesso stanno suonando il pezzo che ascoltiamo! Il tutto senza alcun artificio di montaggio, bensì nel tempo reale di un unico interminabile piano-sequenza di una steadicam che in meno di quattro minuti cambia diversi ambienti e percorre parecchia strada: parte da una camera da letto, si incunea in un piccolo bagno, rifluisce in un corridoio, quindi esce dall'appartamento, si introduce in un cortile, confluisce in un marciapiede, evita ostacoli lungo il percorso, attraversa un naviglio salendo e scendendo da un ponte, per infilarsi quindi in un barcone ormeggiato che si trova sull'acqua del naviglio stesso.

note_ Girato in pellicola, sull'Alzaia del Naviglio Pavese a Milano, tra l'appartamento di una commerciante di oggetti di design e la parte esterna del noto locale Le Scimmie. E' stato realizzato in due versioni, una con protagonista bionda e l'altra mora, programmatissime dalle tv, nonché pluri-imitato e omaggiato con i remake di Elio e Le Storie Tese e di Frankie Hi-Nrg. Un caso anche mediatico perché lanciò dal nulla una band che all'epoca non aveva ancora un disco pronto. Quando venni chiamato da un amico manager discografico a tornare dietro la macchina da presa, non avevo la minima intenzione di farlo: avevo smesso di dirigere da due anni, per dedicarmi all'insegnamento, tanto che quando mi proponevano di realizzare un clip preferivo girare la proposta ai miei studenti più talentuosi, per dare loro l'opportunità di emergere, cosa che accadde con l'allora esordiente Valentina Bersiga. Tenni così in sospeso l'amico manager, glissando sulla sua proposta, nella speranza trovasse qualcun altro disposto a dirigere questo clip. Tornò invece alla carica un paio di mesi dopo, disperato, perché nessuno a suo parere riusciva a trovare una soluzione narrativa e visiva per raccontare una giornata della Giulia della canzone e per fare interagire la protagonista con la band. L'amico manager venne a trovarmi in un laboratorio di edizione dove stavo lavorando a un altro progetto: davanti alla sua impellenza, ebbi l'intuizione, ovvero in un istante improvvisamente mi venne l'idea di realizzare un complesso e virtuoso piano sequenza, dove il crudo realismo di quel linguaggio cinematografico privo di interruzioni si sposasse con una storia che avesse contenuti surreali. Volevo insomma raccontare una storia irreale dentro l'assoluta verità visiva di un piano sequenza in cui la steadicam mostra tutto, ma proprio tutto, perfino gli errori. Mi accorgevo delle imperfezioni che venivano fuori a ogni ripresa, ma mi arriva più forte una sorta di magia, come se la macchina da presa riuscisse a catturare l'ansia, la fatica, la tensione e la speranza di quella sfida umana e creativa che questo video rappresentava: tutti quelli che vi partecipavano rischiavano qualcosa, la faccia o la carriera, i soldi o una casa ipotecata, i sogni di una vita di stenti o la reputazione professionale. Ho così capito che tutto quel magma di motivazioni aveva bisogno di erompere in quella maniera, imperfetta ma sincera, emotiva e vitale, come se avessi metabolizzato l'urgenza del punk insieme a quella del direct cinema, avendo amato l'istinto, sporco nel linguaggio ma pulito negli intenti, di autori puri e acuti come John Cassavetes. Nell'ambiente discografico, chi conosceva il progetto, ci dava per spacciati, ritenendo impossibile che potesse avere buon esito una simile sfida tecnica e artistica: poche settimane dopo si sono dovuti ricredere. Un mese e mezzo di organizzazione, di prove con le attrici e la band, ma soprattutto di scrupolosa preparazione con l'operatore steadycam su cui poggiava l'enorme responsabilità di reggere fisicamente, tecnicamente e psicologicamente il carico dell'impresa. Prove durate fino a un'ora e mezza dal primo ciak, nel freddissimo 4 dicembre del 2002; poi, appena un'ora e mezza per girare i cinque ciak della versione con la protagonista "bionda" e per l'unico ciak (sic!) della versione con la protagonista "mora". L'idea di fare due versioni mi venne come sottile gancio e non dichiarata provocazione al mondo mediatico, ossessionato da anni dalla disfida tra "meglio la bionda o la bruna?" (quanti titoli di settimanali su questo argomento…), dicotomia di costume imposta dalle veline di "Striscia la Notizia". Lo stratagemma ha funzionato, in maniera quasi matematica: quanti dibattiti tra gli utenti dei forum su chi preferissero delle due protagoniste, mentre i media sottolineavano questo aspetto dell'operazione. Un popolare programma di Mtv arrivò perfino a mettere le due versioni del video una contro l'altra, facendo votare al pubblico quella preferita. A far parlare di più fu però soprattutto la circostanza che le tv musicali vollero mandare in onda il clip non appena lo videro in anteprima, per quella che sarebbe dovuta essere invece soltanto un'anticipazione interna e riservata: infatti in quel momento non era ancora pronto il singolo da immettere sul mercato, ma soprattutto il gruppo non aveva un vero contratto discografico. Mandato subito in onda, il successo del clip fu immediato e travolgente, facendo diventare Le Vibrazioni delle star in una sola settimana di programmazione, mentre il video fulmineamente acquisì lo status di cult, tanto che dopo circa dieci giorni AllMusic realizzò un'intera puntata del suo programma di punta ricalcando il percorso compiuto dalle protagoniste del clip, andando nei veri luoghi in cui erano state effettuate le riprese.
Ecco i dati del video: l'idea estetica e registica del video (tra l'originale e i remake) è andata in onda ininterrottamente dal 30 dicembre 2002 fino a buona parte del 2003, contando diverse centinaia di passaggi tv; le varie versioni del clip sono state poi pubblicate per ben due volte in un anno su due diversi supporti, prima su cd singolo (60.000 copie vendute) e dopo su dvd (tutto esaurito in edicola, con oltre 20.000 copie vendute).
L'idea registica del video, come detto, è stata oggetto di due remake in meno di un anno, probabilmente un primato nella storia del videoclip mondiale: sono state realizzate prima da Elio e Le Storie Tese ("Shpalman") e dopo da Frankie Hi Nrg ("Chiedi chiedi"); in questo modo con quella mia idea ci hanno promosso tre dischi e relativi artisti (Le Vibrazioni, Elio e Le Storie Tese, Frankie Hi Nrg), tutti entrati in classifica, mentre tutti i tre video sono andati in testa tra i più trasmessi in tv. In un comunicato di Frankie Hi Nrg si legge: "la scelta di riproporre per la terza volta un video musicale rappresenta il tentativo di consacrarlo come "standard" (o meglio "format") ed aprendo la strada ad ulteriori versioni, sempre più elaborate, capaci di esplorare l'apparente semplicità del piano sequenza originale".
Altra curiosità, questa mia idea registica è stata "doppiamente" candidata come miglior video dell'anno 2003 agli Italian Music Awards della F.I.M.I.: infatti hanno ricevuto la nomination sia l'originale che la parodia di Elio (che poi ha vinto), probabilmente un altro primato.
La protagonista "bionda", Angelica Cacciapaglia è figlia del musicista Roberto Cacciapaglia, mentre la "bruna" è la "vera" Giulia cui è dedicata la canzone: entrambe sono state scovate grazie all'iniziativa del sito Rockol e del suo direttore Franco Zanetti, promotori di un casting on line e sostenitori del progetto fin dai primi vagiti.

link
www.vibraland.it
www.levibrazioni.it
http://www.sonybmg.it/artisti/artisti_dettaglio/LEVIBRAZIONI/69.html

 

 

 

"Cleptomania" - SUGARFREE

(2004, Warner)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Franz Pagot
montaggio_ Cristiana Donghi

guest star_ Davide Paniate, Andrea Santonastaso, Geppi Cucciari, Rubes Piccinelli, Alessandro Brunello, Davide Colavini, Gianni Cinelli, Antonio Vulpio, Elisa Canfora, Chiara Buratti

soggetto_ costruito su ellissi temporali, con un montaggio alternato mutuato dal thriller che punta però ad amplificare gli effetti comici, racconta di un ladruncolo dagli occhi spiritati che si aggira in un negozio arraffando oggetti femminili, malgrado la presenza di un addetto alla vigilanza imbranatissimo; il ladro tuttavia ha un cuore che sembra battere per una commessa in carne e ossa, salvo scoprire invece che si è follemente innamorato di un manichino dalle fattezze muliebri: decide così di rubarlo e scappare via portandoselo sotto braccio in una improbabile fuga d'amore, prontamente inseguito dal vigilantes, dando vita a una caccia al ladro che cita le slapstick del cinema muto come Totò e Fabrizi, per giungere a un finale paradossale e spiazzante. Gli interpreti sono comici all'epoca impegnati nel programma tv "Comedy Lab" (Mtv) e in seguito in "Zelig" (Canale 5), cui si è aggiunta l'attrice Chiara Buratti, attiva soprattutto in teatro.

note_ Girato in pellicola in un centro commerciale alla periferia di Torino. Le comparse che si vedono dentro il negozio sono tutti miei studenti di varie facoltà universitarie e istituti d'arte. Il clip è nato dalla collaborazione creativa e dal sodalizio umano con Marcello Balestra, discografico della band, con il quale si è deciso di condividere una sfida artistica e professionale: investire su una band sconosciuta con il preciso intento di portarla in alto non secondo le solite convenzioni del marketing, bensì con un'operazione fuori dagli schemi da portare avanti in totale libertà creativa. Ci siamo così presi i tempi di un piccolo film, con riflessioni approfondite sulla storia ma soprattutto con un lavoro attento sul cast: pensai che ci volessero dei comici bravissimi ma che avessero ancora tanta voglia di affermarsi e sogni professionali da realizzare, quindi non dei big già arrivati ma degli emergenti di grande talento. Individuai questi talenti nel cast del programma di Mtv "Comedy Lab", comici che da lì a poco sarebbero in gran parte passati a programmi come "Zelig" e sue derivazioni. Da una serie di visite negli studi televisivi in cui registravano il programma, sono scaturiti diversi incontri con gli attori del cast, in primo luogo per convincerli a credere nel progetto, sostituendo al cachet la passione e la sfida. Accettata a titolo gratuito ma con grande entusiasmo la proposta da parte degli attori, è stata la volta di lunghe discussioni con loro per costruirgli addosso i ruoli e le gag. Infine, si è cercato di incastrare le date e gli impegni di tutti, perché potessero raggiungerci a Torino per le riprese, durate meno di otto ore in un unico giorno. Il celebre manichino del clip è stato "notato" nella vetrina di un negozio durante un sopralluogo nel centro commerciale in cui avremmo girato: è stato acquistato dalla produzione dopo una lunga trattativa… Questo sogno condiviso con Marcello e con cinque ragazzi di Catania che fino a quel momento avevano suonato cover in piccoli club siciliani, pochi mesi dopo porterà la band al primo posto in classifica.

link
(le immagini filmate dei clip degli Sugarfree si trovano in questo sito per gentile concessione di Warner Music Italia)
sugarfree.warnermusic.it
www.sugarfreemusic.it

 

 

 

"Cromosoma" - SUGARFREE
(2005, Warner)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Franz Pagot
montaggio_ Cristiana Donghi

guest star_ Davide Paniate, Andrea Santonastaso, i Mammuth, Jochen Wenz, Atsuko Kawaijiri e altri comici tv di "Zelig" e "Zelig Off" (Canale 5) e "Comedy Lab 2" (Mtv)

soggetto_ è il prequel di "Cleptomania", una stralunata rivisitazione della favola di Cenerentola che racconta le vere ragioni per cui il ladro del clip precedente ha rubato il manichino, rinnovando il conflitto con il solito vigilantes tonto, per giungere a un nuovo finale beffardo. Piccola parabola sulla spasmodica ricerca della donna perfetta e dell'amore artificiale.

note_ Girato in pellicola poco fuori Milano, gli esterni davanti a un centro commerciale, gli interni in una vera fabbrica di manichini. Tutte le comparse sono miei studenti provenienti dalla varie Università in cui insegno, tranne gli attori comici che hanno partecipato con dei cameo.

link
www.sugarfreemusic.it
sugarfree.warnermusic.it

 

 

backstage _ "Cromosoma" - SUGARFREE

 

 

 

 

 

"Solo lei mi dà" - SUGARFREE
(2006, Warner)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Fabio Olmi
montaggio_ Cristiana Donghi
guest star_ Carly Ko, Chris Channing

soggetto_ una stupenda artista di strada dai tratti somatici insieme cinesi e americani, vive errante portandosi dietro ingabbiato un vero fauno, creatura mitologica per metà uomo e metà bestia, con cui incanta il pubblico dei suoi funambolici spettacoli. Il rapporto tra i due è quello tra padrona e animale soggiogato, ma anche l'apparentemente durissima e fiera artista ha le sue fragilità interiori e, in un momento di debolezza, il suo pianto notturno è accolto con tenerezza dal sensibilissimo fauno: lei entra così nella gabbia per lasciarsi andare alla passione amorosa, dimenticando la mostruosità di lui. Dopo aver vissuto il momento della passione, lei si addormenta, mentre il fauno scopre di potere a quel punto scegliere se rimanere prigioniero della sottomissione a quella donna bellissima, oppure se scappare e riconquistare la libertà, sottraendosi così anche all'ossessione per il fascino della bellissima artista: prenderà la via della fuga, insegnando così alla donna che neanche il più irresistibile fascino femminile può tenere incatenato un uomo per sempre. Sarà lei così a riscoprirsi ingabbiata da quel sentimento scoperto troppo tardi, ovvero dopo avere portato all'esasperazione chi l'amava davvero ma veniva respinto soltanto per ragioni estetiche: non avere privilegiato prima l'attenzione per le qualità interiori sembra rivelarsi adesso un grave errore… che prima o poi si paga con la solitudine. Riflessione amara e dolorosa sull'uso strumentale dell'arma della bellezza femminile per irretire gli uomini, nonché, in generale, sulla superficialità di chi guarda all'aspetto esteriore senza accorgersi della bellezza interiore, salvo poi reclamare dolcezza e romanticismo quando il proprio egoismo ne ha un disperato e strumentale bisogno. La storia vuole essere anche una critica spietata alla società contemporanea in cui si assiste al trionfo di una sorta di eugenetica sociale, ovvero del culto sfrenato del corpo e della gradevolezza fisica che soppianta l'attenzione per il cuore e il cervello, ovvero per quei pochi dettagli che ci dovrebbero distinguere dagli (altri) animali.

note_ Girato in pellicola a Settimo Torinese, a ridosso di un suggestivo ponte sul fiume Po, in gran parte mentre vi si svolgeva la normale giornata di un vero mercatino rionale. I due protagonisti sono dei veri attori di strada che hanno usato dei costumi di scena da loro realizzati e realmente utilizzati nel corso dei loro spettacoli. Carly Ko, oltre che funambolica performer, è anche modella e pittrice, mentre Chris Channing, oltre che strabiliante trasformista, è anche un cantante.

link
www.sugarfreemusic.it
sugarfree.warnermusic.it

 

 

 

"Lo zingaro felice" - ALEX BRITTI
(2003, Universal)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Franz Pagot
montaggio_ Cristiana Donghi
guest star_ Pep Bou

soggetto_ il cantante recupera l'espediente di Alberto Sordi in "Accadde al commissariato" (anno 1954), indossando una gonna per attirare la curiosità della gente, al solo fine di vendere… bolle di sapone; ma alcuni bacchettoni tutori dell'ordine pubblico non riusciranno a tollerare quella "diversità", men che mai a capire la libera poesia e ancor meno a rispettare un pur pacifico assembramento di menti liber(at)e. Lui finisce prigioniero delle rigide norme della società, ma coloro che l'hanno seguito riconquistano il gusto dello stare insieme all'insegna del sorriso spensierato, lieve come bolle colorate. Omaggio alla più nobile commedia all'italiana dei tempi d'oro, ma anche metafora della difficoltà ancora (se non soprattutto) oggi di barcamenarsi per la sopravvivenza quotidiana, con un protagonista che sceglie la via della classica furbizia nostrana ma con il piglio del sognatore e non del truffatore: in fondo, quanti ogni giorno cercano di venderci "bolle di sapone"?...

note_ Girato in pellicola a Torino. Le bolle di sapone sono state realizzate da Pep Bou, artista spagnolo che ha ottenuto fama internazionale grazie alle magie che riesce a realizzare con una materia così delicata e volatile: lo abbiamo fatto arrivare appositamente da Barcellona; ha fatto diverse apparizioni anche in programmi di intrattenimento delle televisioni italiane.

link
(le immagini filmate del clip di Alex Britti si trovano in questo sito per gentile concessione di Universal Music Italia) http://www.universalmusic.it/web/index.php
www.alexbritti.it

 

 

 

"Nel mio giardino" - CRISTINA DONA'
(2003, Mescal)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Paolo Bellan
montaggio_ Cristiana Donghi
guest star_ Milene Domingues, alias Ronaldinha, ex moglie del calciatore Ronaldo

soggetto_ una partita di calcio femminile, con in campo la vera squadra di serie A del Fiamma Monza che sta dominando, ma la porta avversaria è stregata e la palla proprio non vuol saperne di entrare, fino a un'inevitabile finale beffardo.

note_ Girato in pellicola in uno dei due stadi di calcio di Monza, ha avuto una lavorazione tribolata, spalmata in due giorni. Il clip infatti combina la fiction con la realtà, poiché le riprese in buona parte sono state effettuate durante una vera partita della formazione del Fiamma Monza: ho ritenuto fosse l'unico modo di ottenere un credibile agonismo, documentando lo sforzo atletico e la tensione agonistica nel momento in cui davvero la competizione era in atto. Questa scelta creativa tuttavia ci ha creato notevoli complicazioni, poiché non potevamo certamente determinare l'andamento della partita vera né piegarlo alle nostre esigenze narrative! Un sabato di campionato femminile abbiamo così girato durante un vero incontro, stando attenti a filmare esclusivamente le calciatrici del Monza; le riprese sono state studiate in maniera tale che nelle inquadrature ci fossero soltanto le giocatrici del Monza e non le reali avversarie che erano in campo contro di loro quel giorno: ci siamo in questo modo concentrati sulle espressioni dei volti, sui particolari delle masse muscolari in movimento, dei giochi di gambe e dei calci al pallone. Fortuna ha poi voluto che la nostra "guest star", Milene, allora moglie di Ronaldo e celebrata protagonista del jet set, facesse in quell'incontro un trionfale ingresso in campo dalla panchina, dopo lunga fase di riscaldamento, circostanza da me subito sfruttata per creare l'attesa del suo inserimento nella partita. Il giorno dopo siamo invece tornati nello stesso campo per riprendere una partita finta, da noi organizzata tra la compagine del Fiamma Monza di serie A e una formazione giovanile della medesima società. Il soggetto mi è nato dalla necessità di trovare un concetto di "giardino" che non fosse didascalico rispetto al testo del brano, ma anche dal fascino che su di me esercitava la figura dell'allora "Ronaldinha" e in generale l'idea di uno sport identificato come "maschile" che viene invece interpretato con eguale passione da atlete donne.

link
(le immagini filmate del clip di Cristina Donà si trovano in questo sito per gentile concessione di Mescal e dell'artista)
www.mescal.it
www.cristina-dona.com (sito ufficiale)
www.stellebuone.it (unofficial web site)

 

 

"Neil Young" - (P)ITCH
(1998, Mad)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Fabio Olmi
montaggio_ Nicola Barnaba
guest star_ Selen

soggetto_ storia di amour fou tra donne tanto passionali quanto ambiziose e vendicative: Selen interpreta una cantante rock corteggiata dagli uomini malgrado preferisca le relazioni intime con le donne; rifiutato da Selen, un folle fan per vendicarsi la riduce su una sedia a rotelle: l'evento scatena le ciniche mire di successo della compagna di Selen, pronta a impadronirsi della vita della star. Ispirato lontanamente a una polemica scatenata negli Usa da una modella rimasta paraplegica in seguito a un incidente, la quale aveva deciso di posare per Playboy nuda su una sedia a rotelle, rivendicando il proprio diritto alla sensualità malgrado l'handicap, mentre i moralisti l'accusavano di bieco sfruttamento della propria disgrazia. Anche questo clip, il mio d'esordio, non ha mancato di turbare i benpensanti, guadagnandosi censure e ostracismi televisivi d'ogni sorta, come la penalizzazione rappresentata dalla messa in onda soltanto in orari notturni, nonché reazioni piccate da parte di alcuni conduttori tv.

note_ girato in pellicola, è stato giudicato tra i migliori dieci "videoclip del mese" dalla rivista mensile Tutto nel numero di aprile '98; è la versione televisiva in forma di videoclip del cortometraggio "N.Y.", primo prodotto del progetto "Film-Clip", il quale intende creare un genere che sia una commistione di cinema e videoclip. Articoli su questo clip sono apparsi su Panorama, Max, la Repubblica, Rockstar, Musica! di Repubblica, Mucchio Selvaggio, Jam, Faremusica, Rock Sound e altri ancora, mentre in televisione ne hanno parlato programmi di Italia Uno ("Super", "Le notti dell'angelo"), Tmc2 ("Help" di Red Ronnie, "Coloradio"), Mtv ("Hot"), Tele+, RaiSat.

link
http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendID=152835068

 

 

"Kombo" - KARNEA
(2003, Jestrai)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Paolo Bellan
montaggio_ Cristiana Donghi

soggetto_ lo sfogo violento dello sport dello squash si lega all'urlo liberatorio dell'hard rock, all'inizio metaforicamente, poi anche fisicamente, in una fulminante scheggia di aggressività contemporanea.

note_ girato in poche ore in una vera palestra di squash a Milano, con budget ridottissimo e ancor meno pellicola; la protagonista nella vita reale è anche una tennista. Per ovviare alla paupertà di mezzi, ci si è inventati ogni artificio possibile per consentire alla macchina da presa movimenti dinamici in uno spazio molto angusto. L'idea mi è venuta durante il primo ascolto del brano, dopo avere ascoltato poche note, colpito dal ritmo e dall'aggressione sonora della band.

link
www.karneafansite.it
www.jestrai.com/home.php

 

 

"Dancing days" - SAVALAS
(1998, Ultrasuoni/Gina Dischi - Edel)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano

soggetto_ un happening creativo frutto dell'incontro con la creatività libera, contaminata e smodata dell'artista David Vecchiato, firma di culto per gli appassionati dei fumetti ma anche tra quelli dell'arte (pop) contemporanea, senza trascurare chi lo segue sulle colonne di prestigiose riviste. In un quartiere quasi periferico di Roma, viene messa in scena una folle festa dionisiaca di matrice spagnoleggiante, approfittando delle scenografie di un locale ricco di suggestioni iberiche. Chiamati a raccolta i rispettivi amici più schizzati, sono stati invitati a dare libero sfogo alla propria creatività, all'insegna della fascinazione per quel mondo caliente: l'arena si è così riempita di ballerini di flamenco, danzatrici del ventre, ma anche di break-dancer, ammaliatrici calve e qualche serpentello di passaggio, senza risparmiarci accenni ai riti voodoo.

note_ girato interamente in pellicola super-8, a basso budget, parte delle riprese sono state effettuate realmente in Spagna, approfittando di una vera vacanza di alcuni componenti del gruppo, partiti mettendo in valigia anche una vecchia cinepresa e un po' di pellicole economiche da 40 asa. E' stato tra i dieci "videoclip del mese" per il mensile Tutto nel numero di aprile '99. La troupe era composta soltanto da due persone, regista e direttore della fotografia, entrambi impegnati anche come operatori: sono state infatti utilizzate due diverse cineprese super-8.

link
www.davidvecchiato.com

 

 

"Va bè" - GROSSOMODO
(2000, Desmouse)

 

 

(parte 1)

 

(parte 2)

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano
guest star_ Lucia Barbiero

soggetto_ per un'affascinante misteriosa donna al computer, quello che dovrebbe essere un eccitante ma innocuo video-game di spionaggio, si trasforma in un vero incubo sospeso tra realtà materiale e virtuale, dove al rischio di essere uccisa si aggiunge quello di innamorarsi dell'uomo sbagliato, trovandosi contesa tra due spasimanti che potrebbero essere entrambi i suoi killer. Un fanta-thriller tecnologico dalle venature erotiche, la cui freddezza meccanica, sorta di coazione e ripetere, voleva riprodurre la glacialità che si intuiva sarebbe stata imposta nelle relazioni sociali dalla sempre maggiore invadenza dei computer.

note_ girato a Roma, in digitale, è un "serial-clip", inteso più come un cortometraggio in due parti, due puntate che hanno come colonna sonora il medesimo brano dei Grossomodo. Una sorta di doppio clip, il cui utilizzo era stato pensato non soltanto per la televisione bensì anche e soprattutto per Internet (era l'anno 2000): infatti la seconda puntata del clip per un periodo è stata disponibile soltanto in rete. La protagonista è Lucia Barbiero, all'epoca conduttrice dell'emittente Match Music Satellite e oggi nota dj.

link
www.desmouse.com

 

 

"Astratti furori" - KABALLA'
(1999, Musica & Suoni - Rti)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano
guest star_ gruppo Batarnù, Giovanni Calcagno

soggetto_ un gruppo di artisti di strada, liberi e felici, dediti alla creatività dell'espressione corporea e al culto della letteratura, viene aggredito da spietati militari, i quali vogliono spegnere con la violenza cieca e barbara ogni loro manifestazione di pensiero autonomo e il loro seguire uno stile di vita non allineato. Ispirato ai tanti, troppi roghi di libri e opere d'arte che si aggiungono agli orrori della guerra, con la mente a quanto accaduto pochi anni prima nella ex Jugoslavia, il clip ha avuto spunto anche dalla mia antica frequentazione del gruppo Batarnù, collettivo di artisti di strada nato per diletto e trasformatosi in "comune" stile anni '70: nato a Paternò, in provincia di Catania, ha visto tra i fondatori e promotori l'entusiasta Giovanni Calcagno, mio compagno d'asilo nell'infanzia e oggi celebrato attore di cinema ("Buongiorno notte" di Bellocchio) e teatro (con Mario Martone), il quale qui appare sui trampoli.

note_ E' stato tra i dieci migliori "videoclip del mese" per il mensile Tutto nel numero di maggio '99. Girato in super-8 tutto in esterni in Sicilia, alle pendici dell'Etna, ha visto l'impiego di decine di comparse a titolo gratuito. Se gli artisti di strada qui sono veri, i "militari" sono ovviamente finti: si tratta in realtà di un gruppo di amici appassionati di "wargame", un "gioco di guerra", ovvero, come spiega Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Wargame), "una categoria di gioco strategico, che generalmente ricostruisce eventi militari storici o immaginari. Il wargame è spesso visto come un modo di esplorare gli effetti della guerra senza sperimentare il combattimento reale. Può assumere la forma di un hobby nel quale uno o più giocatori simulano battaglie o intere guerre, di un modello o simulazione al computer di possibili scenari di pianificazione militare (questo viene detto anche simulazione di guerra) o anche la forma di manovre militari come pratica per la guerra. In quest'ultimo caso le due fazioni della battaglia vengono tipicamente chiamate "blu" e "rosso" per evitare di nominare un avversario particolare". Grazie alla gentilezza e disponibilità di questi appassionati etnei di "wargame", ci siamo trovati a poter impiegare nel clip un piccolo "esercito" di comparse che hanno perfino portato con sé armi e divise perfettamente credibili, dando la sensazione che il video abbia avuto a disposizione chissà quale budget da kolossal, mentre ha fatto affidamento sulle limitate ma generose risorse dell'appassionato produttore catanese di Kaballà, Nuccio La Ferita, importante e stimato agente di spettacoli e concerti in tutta la regione. Concedendoci "ben" due giorni di riprese, malgrado il budget striminzito, il set ha regalato l'atmosfera di una festa tra amici di vecchia data, ritrovatisi dopo anni per potere realizzare il sogno, mio in primo luogo ma condiviso da tutti, di potere finalmente realizzare un videoclip professionale anche in Sicilia, impresa per nulla facile in quegli anni.

link
http://www.musicaesuoni.it/M_artisti_detail.php?id_art=54
http://kaballa.altervista.org/k_main.htm
digilander.libero.it/gianni61dgl/kaballa.htm

 

 

"Urlo" - DENZOE
(1998, Mad)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano

soggetto_ All'urlo esistenzialista della tela di Munch nel cuore degli anni '90 sembrava essersi sostituito quello reale di quei giovani che in maniera dilagante presero a martoriare il proprio corpo in tutte le maniere, facendosi dipingere la pelle o trafiggere lembi di carne con procedimenti dolorosi, al fine di divenire loro stessi quel messaggio che non sapevano più esprimere con altri linguaggi. Il clip vuole rappresentare tutto questo tra fedeltà documentaristica e interpretazione lisergica, calandosi nella realtà di un vero laboratorio di tatuaggi e piercing della periferia romana, girando ore di materiale sugli autentici trattamenti cui si sottoponevano i reali clienti.

note_ giudicato tra i migliori dieci "videoclip del mese" dalla rivista Tutto nel numero di luglio 1998; in questo lavoro è stato utilizzato il linguaggio del "docu-clip", genere allora non molto frequentato che conoscerà invece maggiore notorietà quando ne farà uso il regista Michael Moore nei suoi video pacifisti e anti-militaristi per varie band militanti. Come nella filosofia di queste genere videomusicale, tutto è stato realizzato con un budget bassissimo: le riprese sono state infatti effettuate con piccole telecamere amatoriali. La libertà espressiva di cui abbiamo goduto, ha consentito al montatore Walter Fasano (oggi attivissimo ai massimi livelli nel cinema) di sperimentare tutte le possibilità di creare associazioni iconografiche con un editing velocissimo ai limiti del subliminale.

link
www.denzoe.it

 

 

"Riaccendi i colori" - PULSAR
(1998, Gina dischi)

 

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano
guest star_ Dea Verna

soggetto_ ironizzando in apertura sul luogo comune della (consapevole) vita da spiantati dei musicisti (ma anche dei registi…) underground, il clip racconta quello stato di fibrillazione confusionale che è il colpo di fulmine, quando il sogno amoroso sublima a tal punto la realtà da proiettare tutto in una dimensione emotiva onirica; così il cantante si lascia letteralmente trascinare dal desiderio puro di non farsi scappare una donna ideale che rappresenta una poetica apparizione nel grigiore quotidiano, fino a un'inevitabile catarsi finale. Di quella creatura angelica nella sua semplicità, al cantante rimangono istantanee che rappresentano gli scampoli di ricordo che ci accompagnano dopo un bel sogno. Un sogno che qui conferma come si possa essere pronti a fare qualsiasi cosa per inseguire il grande Amore, perché alla fine anche il solo sognarlo può "riaccendere i colori" e ravvivare i "sorrisi spenti".

note_ girato a Ravenna in una giornata uggiosa, programmatissimo su Mtv e su Tmc2 dove è stato "Video Pin-up"; si tratta di un esperimento di "photo-clip", cioè un videoclip caratterizzato dal linguaggio delle fotografie (in gran parte Polaroid): autrice degli scatti è Simon, celebrata fotografa che ha firmato copertine di dischi e servizi giornalistici per Carmen Consoli, Mau Mau, Subsonica e altri. La protagonista, Dea Verna, oggi brillante giornalista della carta stampata, era all'epoca della realizzazione del videoclip la conduttrice del programma "Com'é" trasmesso da Tele+. Video realizzato a bassissimo budget, con telecamere amatoriali portate al loro limite pur di trovare soluzioni figurative suggestive: come l'effetto che simula il vecchio proiettore cinematografico, ottenuto mandando in shock una delle camere dopo ripetuti tentativi.

 

 

"Emergenza d'amore" - GIULIA
(2000, Wip - Emi)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Fabio Olmi
montaggio_ Walter Fasano
guest star_ Fabrizio Frizzi, Mauro Marino, Tiziana Sensi, Valentina Lainati, Ivan Marelli, Barbara Sorrentini, Diego Matys

soggetto_ varie storie si intrecciano all'insegna di diverse "emergenze d'amore", manifestando quegli stati di apprensione portati dai conflitti sentimentali che tutti conosciamo; equivoci, incomprensioni, gelosie, complicità inaspettate, tristezza ma anche sorrisi, per rappresentare quei tumulti interiori sintonizzati sui battiti del cuore.

note_ girato in pellicola, è stato prodotto dall'etichetta discografica fondata dal conduttore televisivo Fabrizio Frizzi, il quale appare nel ruolo di un gelataio baffuto, approdando così all'esordio assoluto come attore. La cantante Giulia è invece la figlia di Rita Dalla Chiesa. Questo clip è stato "Video Pin Up" su Tmc2. Nel clip appaiono tutti attori professionisti che hanno già interpretato da protagonisti film per il cinema e la televisione e lavorato in teatro, tra cui Tiziana Sensi (protagonista anche di varie fiction), Valentina Lainati, Ivan Marelli, Barbara Sorrentini (oggi amata conduttrice radiofonica), Diego Matys: tra loro c'è anche Mauro Marino, noto dj radiofonico e conduttore televisivo. Girato in due giorni in diverse location tra Roma e Ostia: lo studio radiofonico utilizzato è quello di Radio Dimensione Suono, dove allora la cantante realmente lavorava.

 

 

"Oasi" - RAF
(2002, Warner)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia e montaggio_ Paolo Ferrari

note_ realizzato a Città di Castello, in Umbria, in occasione della data zero della tournée di "Iperbole", è un live-clip prodotto dal management dell'artista insieme all'emittente AllMusic; girato in digitale, la troupe era composta dai miei studenti universitari del gruppo Uniclip, esperienza che voleva concretizzare e cementare l'intento programmatico di seminare in ambito accademico affinché gli allievi potessero avere sbocchi professionali anche nel mondo reale del mercato audiovisivo.

link
www.raf.it

 

 

"Sorprendimi" - STADIO
(2002, Emi)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia e montaggio_ Paolo Ferrari

note_ girato in digitale, realizzato in Emilia in occasione di un vero concerto della band, è un live-clip prodotto dal management della band, ancora una volta realizzato con i miei studenti universitari del gruppo Uniclip, provenienti dalle varie facoltà in cui fino ad allora avevo insegnato.

link
www.stadio.com

 

 

"E' stato tanto tempo fa" - SIMONE
(2004, Bollicine - Emi)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Franz Pagot
montaggio_ Valentina Bersiga

soggetto_ il cantante esegue il proprio brano dentro un angusto spazio fisico di colore rosso fuoco: è una scatola che racchiude la sua canzone nello spazio temporale di una performance.

note_ Girato a Verona in pellicola, è un clip di puro playback realizzato come contenuto speciale soltanto per il cd singolo del brano.

link
www.simoneweb.it

 

"Le vacanze dell'83" - BAUSTELLE
(2000, Baracca&Burattini - Edel)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Giuseppe Bianchi
montaggio_ Cristiana Donghi

soggetto_ ambientato in una scarna mostra d'arte trash, vuole essere una sarcastica raffigurazione dei contraddittori stilemi del mondo dell'arte ufficiale ma anche dei dogmi della videomusica, nel tentativo di dare vita a un esperimento concettuale teso al superamento delle convenzioni dei due ambiti citati; il quadro è scomposto in ritagli che propongono azioni reiterate e paranoiche, dai contenuti che variano dal criptico al didascalico.

note_ girato in digitale in un giorno a Montepulciano, in provincia di Siena, nei luoghi di provenienza dei componenti della band.

 

 

"Wunderautobahn" - SONICA
(1999, Baracca & Burattini)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano

soggetto_ l'ossessione di un voyeur, munito di classico cannocchiale, tracima nella violenza assassina nel momento in cui il guardone si sente scoperto e irriso: ma la sua furia omicida sarà punita da uno sberleffo dalle venature horror.

note_ girato nel territorio di Reggio Emilia, con poverissime telecamere amatoriali video Hi-8, è stato programmato per mesi dalle emittenti specializzate, in particolare Tmc2 e Match Music Satellite; malgrado la bassa fedeltà del mezzo di ripresa, è stata creata un'atmosfera visiva e fotografica pop-glamour, come l'immagine del gruppo richiedeva, anche se allo stesso tempo è stato mantenuto il sapore della provincia. Il voyeur è interpretato dal produttore musicale della band, lo stimatissimo musicista underground di culto Amerigo Verardi.

 

 

"Dimensione strana" - CLEEP
(1999, Ultrasuoni - Edel)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano

soggetto_ la vera atmosfera natalizia nella provincia marchigiana in cui abitava la band ci era sembrata perfetta per descrivere la "dimensione strana" cantata dal gruppo, collocato tra le statue di cartapesta di un presepe; i musicisti vivono così la propria psichedelia casereccia, spaesati ma non artefatti. In alcune scene del clip i componenti della band si infilano di corsa, ironicamente e a fatica, nel "Vicolo più stretto d'Italia" che si trova a Ripatransone, piccolo delizioso comune in provincia di Ascoli: come si legge su Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Ripatransone) il vicolo è "ampio 43 cm all'imboccatura, ma soli 38 nel punto più angusto. Esso si insinua fra due abitazioni ed è stato effettivamente riconosciuto come via transitabile, strappando il primato a Città della Pieve e resistendo in seguito alle pretese di Civitella del Tronto e di altri comuni. E' considerato, finora, anche il più stretto d'Europa, poiché nessuna città ha mai reclamato questo specifico record".

note_ girato interamente in super-8, con una pellicola particolare introvabile in Italia e quindi richiesta direttamente in Germania; le riprese sono state effettuate da due cineprese con l'utilizzo delle sole luci naturali, nell'arco di circa dodici ore di lavoro. In questo caso il low-budget è stata una precisa scelta espressiva, affinché la semplicità dei mezzi conferisse al video un genuino taglio post-psichedelico, di un'immediatezza pari a quella del brano musicale in questione.

link
http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendID=148917988

 

 

"Grand tour" - VIRGINIANA MILLER
(1999, Baracca&Burattini - Sony)

 

 

 

regia_ Domenico Liggeri
fotografia_ Beniamino Catena
montaggio_ Walter Fasano

soggetto_ grottesca presa in giro del turismo di massa, ispirata allora dalla reale attività del cantante della band come guida culturale nella città di Firenze.

note_ girato in video hi-8, ha un taglio volutamente lo-fi per accrescere l'ironia del soggetto; le riprese sono state effettuate in una sorta di discarica all'aperto alla periferia di Livorno, in realtà utilizzata per attività di rigattiere.

 

 

 

I MIEI CLIP SONO STATI DISTRIBUITI SU QUESTI SUPPORTI

 

 

 

 

 

 

 

AltraTV_tv - Intervista a Domenico Liggeri su UN'ALTRA TV NEL VIDEOCLIP MUSICALE AVANTI! su caso
clip Le Vibrazioni
CINEMA INDIPENDENTE. IT _ intervista su videoclip e caso Le Vibrazioni Leonardo Lodato su clip Sugarfree CORRIERE DELLA SERA_ recensione clip Le Vibrazioni
         
CORRIERE DELLA SERA su caso clip per Sugarfree CORRIERE
DELLA SERA su caso clip Le Vibrazioni
CORRIERE DELLA SERA.IT su caso clip Le Vibrazioni GIORNALE DI SICILIA_ intervista su clip Sugarfree Gufetto_it Quotidiano online_ clip per Cristina Donà
         
MUSICA (suppl. LA REPUBBLICA) su clip Cristina Donà con Ronaldinha LA STAMPA
su clip Cristina Donà con Ronaldinha.jpg
Le Vibrazioni - Dedicato a te un quartetto per due Giulia catalogo festival LINEA D'OMBRA sui remake del clip della band LE VIBRAZIONI MAX su remake clip Le Vibrazioni di Elio e Le Storie Tese
         
MAX su clip con Selen MAXIM
su caso clip Le Vibrazioni
MESCAL su clip Cristina Donà MONDOERRE _ intervista su videoclip (parte 1) MONDOERRE _ intervista su videoclip (parte 2)
         
IL MUCCHIO SELVAGGIO_ intervista sui miei clip (parte 1) IL MUCCHIO SELVAGGIO_ intervista sui miei clip (parte 2) MUSICA (suppl. LA REPUBBLICA) su clip Le Vibrazioni MUSICA E DISCHI su caso clip Le Vibrazioni palermoinmusica.it - su clip Le Vibrazioni
         
PANORAMA su clip con Selen RAI INTERNATIONAL - Pop Italia - intervista in
Puntata del 23 aprile 2005
ROCK STAR_ intervista sui miei clip (parte 1) ROCK STAR_ intervista sui miei clip (parte 2) ROCKSTAR su clip con Selen
         
ROCKSTAR su caso clip Le Vibrazioni Scienze della Comunica.com_ intervista su caso
clip Le Vibrazioni
SUGARFREE - MTV_IT - MUSIC Sugarfree ecco il video di Cleptomania Sugarfree info e news
         
TRIBE su clip Sugarfree TUTTO_ reportage su set clip Le Vibrazioni TUTTO_ classifica clip del 2003 TUTTO_ Denzoe clip del mese TUTTO_ Kaballà clip del mese
         
TUTTO_ Pitc(h) clip del mese IL VENERDI
(suppl. LA REPUBBLICA) su remake clip Le Vibrazioni di Elio e Le Storie Tese (parte 1)
IL VENERDI (suppl. LA REPUBBLICA) su remake clip Le Vibrazioni di Elio e Le Storie Tese (parte 2) VIVERE (suppl. LA SICILIA)_ intervista su clip Le Vibrazioni e PVI 2003 Wait! - Intervista a Domenico Liggeri su videoclip e tv
         
SENTIERI SELVAGGI sui miei videoclip WIKIPEDIA
su videoclip DEDICATO A TE
D NEWS _ intervista a Liggeri come esperto di musica in video CORRIERE DELLA SERA su regia clip Le Vibrazioni Capitan-barikko.blogspot.com su video Le Vibrazioni
     
News TUTTO GRATIS su riscoperta video Baustelle